#3 Stan BRAKHAGE | Words and Utopia

archive, brakhage, interviews, video, words and utopia

WORDS AND UTOPIA project

#3 Stan BRAKHAGE

Conversation with Stan Brakhage
Rotterdam, January 31, 2002
Full-lenght: 60′ / English with Italian subtitles

 

Che un’opera venga fatta attraverso l’artista è una cosa normale. È solo strano che lo dica un regista cinematografico perché il film non si considera una forma d’arte. Ma se lo dice un pittore, allora la cosa è perfettamente comprensibile. Ciò che lo rende un po’ strano ai tempi nostri è che si temono il misticismo e le religioni. Tempo fa si sarebbe detto: attraverso Dio o attraverso le muse, o attraverso dei e demoni, o attraverso gli elfi, le fate o quello che sia. Ora si può dire: attraverso l’inconscio. L’inconscio è la stessa cosa. È la parola equivalente per definire le cose dei nostri giorni, si riferisce a qualcosa che non capiamo. Si tratta di un mistero che intuiamo. Prendiamo contatto con l’inconscio. Quindi noi lavoriamo con questo come altri usano Dio o le muse.
Stan Brakhage