BORMIDA | Alberto Momo, Laura Cantarella

distribuzione, distribuzione italiana, european distribution, produzione, trailer, world distribution

made-in-zomia-prova-copia

WORLD DISTRIBUTION

Bormida di Alberto Momo e Laura Cantarella (2018)

Italia
colore/bn, 50 minuti
italiano

con Marina Garbarino, Mario Cauda, Walter Orsi, Francesco Cora
regia e montaggio: Alberto Momo
scrittura, fotografia e organizzazione generale: Laura Cantarella
colonna sonora: Alessandro Sciaraffa
prodotto da Laura Cantarella e Alberto Momo per Zomia
con il sostegno di Fondazione Matrice, Archivio Nazionale Cinema Impresa, Film Commission Torino Piemonte – Piemonte Doc Film Fund, Politecnico di Torino.

Un fiume viene contaminato da una fabbrica, e la popolazione si mette in marcia per non perdere la propria terra, e la vita. Il fiume continua a scorrere ma i boschi sono ormai deserti. I racconti di due attivisti e di un agronomo tracciano dei cammini in un paesaggio da decifrare. Una possibile mappa per evocare fantasmi.

Bormida è un film che si pensa come paesaggio. Si nutre di archivi e costruisce mappe. Come un paesaggio è una sedimentazione di sguardi e di tempi differenti. Il luogo diventa narrazione, anche sensoriale ed emotiva.

Il film deve la sua genesi al lavoro appassionato di alcuni studenti della facoltà di architettura di Torino. Si è arricchito del contributo del fotografo Andrea Botto e dei suoni dell’artista Alessandro Sciaraffa che ne ha curato la colonna sonora. E’ stato colorato (in rosso) da frammenti dell’Archivio del Cinema d’Impresa e da fotogrammi dipinti da Paolo Leonardo.

E’ dedicato a Marina Garbarino (1960-2016) e a tutti gli attivisti che si sono mobilitati nella prima lotta ambientalista italiana.

E’ stato realizzato insieme a Elena Andreacchio, Federica Barletta, Chiara Carlucci, Preziosa Giudice, Kaveh Khorramian, Hamid Amouzad Khalili, Elena Marasciuolo, Viviana Marengo, Marilivia Minnici, Caterina Nolli, Marika Provinzano, Valeria Rinaldi, Ilaria Riva, Alessia Stivala, Andrea Trombetta, Silvia Vercelli con Riccardo Covino e Pietro Merlo.